Una Cenerentola in Paradiso

beautiful

“Ad un tratto, l’orologio della torre suonò il primo rintocco di mezzanotte. Cenerentola, ricordandosi di ciò che la fata le aveva detto, fuggì.”

Da bambini crediamo a tutto ciò che ci viene detto, crescendo diventiamo razionali e a volte non crediamo più nei sogni. Ieri mi sono sentita di nuovo Cenerentola. In altre occasioni nella mia vita mi sono sentita bella, raggiante e al centro della festa come lei. Ma i giorni successivi ero ancora bella, luminosa e viaggiavo sulla scia della felicità. Oggi invece ho pensato… “so come si è sentita Cenerentola il giorno dopo il ballo”. Poverina. Ma facciamo un passo indietro.

Mercoledì mattina, dopo una notte tormentata ed agitata, sveglia presto, pioggia incessante e nebbia, parto per Milano. Arrivo con un po’ di ritardo, lo studio di Stefano Bidini in via Ripamonti sembra un formicaio: tutte indaffarate e di corsa. Mi accoglie con un sorriso e un abbraccio Barbara Christmann (seguitela sul suo blog http://www.beautifulcurvy.com/ ), dopo quattro chiacchiere mi siedo per l’acconciatura e successivamente mi sposto per il trucco. Credevo che la parte più bella fosse questa ma mi sbagliavo! Carrelli pieni zeppi di abiti, intimo, costumi di diversi colori e taglie: come con un personal shopper mi vengono assegnati abiti e ogni volta ci azzeccano in pieno. D’altronde Barbara fa anche quello di lavoro e non mi stupisco quando vedendo un jeans le dico “ma forse è stretto?” lei mi risponde con un sorriso “penso di no” e ovviamente capisco il suo sorriso poiché mi calzano a pennello….

Già, a volte cadiamo in errori banali di non provare certi abiti poiché pensiamo che non ci calzeranno bene. Ho avuto il piacere di fare acquisti con una persona che, come Barbara, sapeva bene quello che ti valorizza ed ogni capo indossato era un vero successo. Piccola parentesi personale. Se questa persona leggesse e si riconoscesse in queste righe, sappia che devo ringraziarla poiché è stata la prima persona che in modo disinteressato mi ha fatto capire che –come diceva un vecchio spot- “io valgo” e sono bella con le mie curve, se valorizzate in modo corretto.

Scarpe con tacco vertiginoso e pronti sul set. Dirvi che mi sentivo in imbarazzo e impacciata nonostante fossi sul set con altre ragazze sarebbe dire poco. Mi sentivo come dentro uno shaker. Sia chiaro, tutti gentilissimi e le ragazze molto collaborative… ma le sensazioni provate si rincorrevano talmente velocemente da non poter stare dietro a tutto  e avrei voluto dire “fermatevi tutti che ora respiro un attimo!” Felicità, paura, tensione, preoccupazione, euforia, passeggiata al settimo cielo e.. “ehi… sembri altrove!” ops! Scusate! Mi focalizzo di nuovo e mi connetto. Qui si sta lavorando per portare avanti un pensiero, è una specie di battesimo per le nuove ambasciatrici di Beautiful Curvy.

Barbara afferma che “ Il calendario vuole essere un punto di riferimento per molte donne che hanno sofferto a causa della loro fisicità diversa dai canoni imposti. Si rivolge alle donne che hanno voglia di mettersi in gioco per mostrare ad altre che si può stare bene con dei chili in più. Da non confondere con l’idea che “grasso è bello”, ma di imparare a stare bene con se stesse, senza lasciarsi condizionare dagli altri.“

Ho avuto il coraggio e la voglia di scrivere a Barbara proprio perché da tempo seguo lei e Laura Brioschi una modella curvy, blogger e  positive influencer. In questo mondo fatto di tantissime persone che si lamentano per problemi inesistenti per portare l’attenzione su se stessi, credo sia assolutamente fondamentale avere persone come Laura. Positive influencer non solo sulla vita quotidiana ma soprattutto su se stessi!!!

La giornata scorre tra l’adrenalina di indossare, scattare foto, e il relax dei divanetti e del buffet. Devo essere sincera, non pensavo sarebbe stato così difficile. Sali e scendi dai tacchi, le nostre magliette “beautiful curvy”, abbracci, sorrisi, scatti.

Una giornata che incornicerò tra “le cose da salvare” (come canta Barbarossa). Con estrema fatica riprendo la mia valigia e torno a casa. Talmente bollita da prendere la metro al contrario, accorgendomene comunque alla prima fermata sia chiaro…e talmente stanca che sul treno ho preso un medicinale perché tutto d’un colpo mi era preso un mal di testa folle.

Messaggi fino a notte inoltrata con le ragazze del calendario per sapere se erano rientrate a casa senza problemi (sono proprio una mamma) e mentre cerco di tornare alla quotidianità, rientrando a casa, sento i rintocchi e penso a Cenerentola. “Mamma sei bellissimaaaaaa!!!! Mamma ti sei divertita????” ed i miei occhi ancora truccati diventano lucidi… mi sento una splendida Cenerentola!

Il giorno dopo… nubifragio, vento, il nostro cane (un incrocio tra un labrador e un meticcio), improvvisamente mi fa pensare che il padre sia in realtà un cinghiale, ruzzolando nel fango e facendo il bagno nella sua piscinetta che fino a qualche giorno prima era vuota… ad un tratto sento rumori di gocce in casa e… il vento ha spalancato una finestra che non avevo chiuso correttamente e sta piovendo in casa (ovviamente vicino alla TV, dove ci sono i fili di tv, decoder, dvd, ecc.)! Chiudi, corri a prendere stracci, asciuga, vai a chiudere fuori le finestre (avevo lavato i vetri l’altro giorno) e… DISASTROO!!! Il vento ha fatto cadere un vaso con tutta la sua terra (il fiore era già mezzo andato), Iago ha pensato bene di spargerla dappertutto…e come se non bastasse il contenitore della cenere del caminetto è caduto o qualcuno lo ha fatto cadere. Risultato: ho il porticato allagato, infangato e la cenere si sta sciogliendo in una poltiglia grigiastra dall’aspetto schifoso!!!

Mi infilo un giubbotto, mi metto le scarpe ed inizio a pulire… anche se pulire è una parola grossa. Diciamo salvare il salvabile. Ma la pioggia incessante combinata con il vento mi bagna anche se sono sotto il porticato, i capelli si inzuppano, portandosi via i boccoli che avevo tentato di preservare dal giorno prima, ed il trucco della mattina si scioglie, per effetto del sudore del mio viso e della pioggia torrenziale. Nel frattempo, a completare il quadro, il mio cane, che ha necessità di una doccia più di me, mi saltella vicino allegramente.

OH! Solo 24 ore prima ero Cenerentola al ballo!!!! Sorrido, immaginandomi con una mise del giorno prima, compresi i tacchi e intanto continuo a pulire… qualcosa è cambiato dentro me. Qualsiasi cosa io faccia, ora ho la certezza di essere Cenerentola al ballo. Anche se pulisco casa, fradicia con il mio cinghialotto che mi saltella intorno infangandomi. Siamo belle. Abbiamo belle curve. E la curva migliore di tutte in questo momento è il mio sorriso. Beautiful Curvy.

Da Natale il calendario sarà scaricabile gratuitamente, oppure rivolgetevi Barbara per il cartaceo!

logonew-2016

(Logo di http://www.beautifulcurvy.com/ )

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...