Zuppa di zucca con fattore C!

Cucchiarine e Cucchiarini Buongiorno…

Che mese impegnativo! Vi chiedo scusa, ma come avrete visto ho iniziato il 30 Novembre festeggiando il compleanno di mio marito, per saltare di laboratorio in laboratorio, passare alla festa di compleanno di mio figlio a tema Avengers, preparare biscotti per i regali di Natale, pranzo di Natale, apericena con amiche e per ultimo mi appresto ad organizzare e cucinare per il cenone di Capodanno.

Come sempre questa è la settimana dei bilanci, del ripassare mentalmente ciò che si è “concluso” durante l’anno, si ripensa ai buoni propositi scritti in corsivo sull’agenda il primo gennaio e si tirano le somme di ciò che abbiamo davvero concluso: possiamo fare delle spunte? Abbiamo realizzato alcuni sogni? Progetti? Abbiamo cambiato davvero qualcosa durante l’anno?

Come sempre, come tutti voi, alcuni progetti si sono realizzati, altri no, altri ancora non erano nell’elenco ma si sono materializzati durante l’anno, li abbiamo inseguiti, acchiappati e fatti nostri.

Il mio 2016 è stato un anno di passaggio, di progetti modificati, di realizzazioni di mio marito (e quindi anche un po’ mie…), di viaggi, di esperienze, di conoscenze…  per il blog è stato un anno di cambiamenti, così anche per il mio percorso personale. Se avessi uno specchio per riflettere la Sabrina di un anno fa vedrei una ragazzina trentenne insicura e spersa… oggi, davanti allo specchio, ogni mattina vedo una donna più che trentenne, con dei difetti, con tanta voglia di migliorare, di cambiare e di progettare… una donna con delle bellissime rughe d’espressione, quelle che si formano a suon di lacrime e di risate. Per questo adoro ogni singola ruga, ogni singolo pezzetto di cellulite, amo terribilmente le mie armi poggiate a terra, che non punto più contro me stessa, contro quello specchio che ho tanto odiato.

Una parte del mio viaggio è stato effettuato grazie a splendide persone, che mi hanno “ispirata” e dato la carica… la prima, come sempre, è mio marito, che mi appoggia, mi spinge e mi calma… grazie pubblicamente Albe, non so immaginare la mia vita senza di te… (tutto il resto te lo scrivo in privato ❤ ).

Il mio bimbo che mi insegna a stupirmi ogni giorno, ad amare le piccole cose e stare fuori in mezzo alla natura, mi insegna ad essere mamma, matura (non sempre) e responsabile (e anche a lui scriverò il resto in privato, in una sorta di diario – lettere che gli scrivo ogni tanto).

La mia famiglia, la mia fratella, i miei genitori… Un grazie va anche ad Annalisa, che nonostante 355 fottutissimi km (scusate il francesismo), riesce ad essere la mia migliore amica, a capire da un messaggio il mio stato d’animo, a supportarmi e sopportarmi, a gioire e piangere con me… riesce a capirmi, a volermi bene ed essermi vicina più di tante persone che abitano a pochi km da me… non amiamo pubblicizzare questo fortissimo legame, lei è un po’ timida, ma, oggi ci sta proprio. Ti voglio bene Amica mia!

Manuela, la mia nuova amica sorella: ad ogni evento lei tira fuori uno striscione con su scritto #goSabrinago. La mia prima e unica fan, da tempi non sospetti, colei che ha cercato di appoggiare e pubblicizzare il blog quando forse neanche io ci credevo. E poi come dimenticare la “vecchia amica ritrovata”, trovata, persa, trovata… (e speriamo di non mollarci più!) con cui si condividono problemi di “mammanza” e si cerca di sorridere ai problemi della vita. E ancora Laura e Barbara, due donne che inneggiano il pensiero positivo, l’accettazione e l’amore per se stessi, GRAZIE.

Le vecchie amiche e le nuove amiche, le FRIENDS, le compagne di merenda, le festaiole, le beautifulgirls, le #SC, la dottoressa Claudia (tu la conosci Claudia?)…… chiunque in questo anno abbia fatto il tifo per me. Chiunque abbia pianto, riso, sudato, mangiato e bevuto nello stesso momento insieme a me.

Se siete arrivati a questo punto del mio bilancio dell’anno ecco la mia ultima ricetta! Per ricordare a tutte che siamo bellissime Cenerentole, una ricetta che mi rispecchia (l’avevo preparata per il due novembre!): tradizione ed innovazione in una ricetta deliziosa!

Buon anno!

 

Zuppa di zucca con fattore C!

(ceci castagne costine)

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 litro di acqua
  • 500 gr. di polpa di zucca
  • 4-6 costine (facoltative)
  • 80 gr. di ceci secchi (oppure circa 200 gr. se in scatola)
  • Una manciata di castagne lessate precedentemente in acqua
  • Rosmarino
  • Dado vegetale
  • Sale qb
  • Pepe

Preparazione:

In una pentola capiente fate bollire per circa 10 minuti l’acqua, la polpa della zucca e il dado vegetale. Con il frullatore ad immersione frullate, abbassate il fuoco ed aggiungete le costine, i ceci le castagne. Aggiustate di sale, se necessario (Io utilizzo il mio dado vegetale che è molto salato e non è necessario aggiungere altro sale).

Fate ancora bollire per circa 20 minuti, in ogni caso basatevi sulla cottura delle costine. Nel caso utilizzaste ceci secchi fateli precedentemente cuocere in acqua leggermente salata per circa 1 ora o in una pentola a pressione per circa 20 minuti.

A questo punto dipenderà dai vostri gusti personali. Io tolgo parte delle castagne e dei ceci e le costine, frullo nuovamente, e servo ad ogni commensale la zuppa con un po’ di ceci e castagne intere ed una o due costine. Se preferite potete saltare questo passaggio e servire la zuppa con ceci e castagne intere.

Spolverizzate con rosmarino e aggiungete pepe.

Buon lavoro!

SONY DSC

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...