Tartàre di tonno

Buongiorno Cucchiarine e Cucchiarini!

Luglio, fa caldo (e meno male!), la stanchezza di un anno di lavoro, l’afa e la voglia di staccare la spina ci stanno facendo fare il conto alla rovescia per la partenza!

Anche in cucina a volte si fa fatica a mettersi ai fornelli, proprio per il caldo!

Ho deciso di condividere con voi un piatto estremamente semplice, ma che sulle mie pagine social ha riscosso davvero tanto successo, probabilmente perchè nella sua semplicità è affascinante e “comodo”! Già perchè sto parlando di una tartàre, un semplicissimo piatto senza cottura. Può essere servito come antipasto, come secondo oppure io lo considero un piatto unico accompagnandolo magari con due fettine di pane di segale tostato!

 

Tartàre di Tonno

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di filetto di tonno
  • 20 g di olio
  • qualche goccia salsa di soia
  • limone
  • erba cipollina
  • prezzemolo
  • 3 zucchini
  • 100 g pomodori pachino
  • rapanelli

Preparazione

SONY DSC

La tartàre è una preparazione di carne o pesce crudo tritati finemente, meglio se battuti al coltello. Utilizzando carne o pesce crudo, vi invito a chiedere sempre al momento dell’acquisto in che modo è stato trattato e se è possibile mangiarlo crudo (deve essere stato abbattuto).

Per prima cosa preparate la marinatura: unite olio, salsa di soia, mezzo succo di limone e un pò di scorza di limone grattugiata, erba cipollina e prezzemolo. Coprite e mettete in frigo fino al momento di preparare la Tartàre.

Suddividete il tonno in modo che sia più facile fare la battuta al coltello. Non sono bravissima, ma con calma, prima taglio a fette sottili, poi a tocchetti. A me la tartàre non piace troppo fine, però potrete tagliare più o meno fine a seconda dei vostri gusti. A questo punto condite con la marinatura (tenete da parte qualche cucchio di marinatura per guarnire).

Preparate velocemente l’insalata. Nella foto vedrete i miei famosi spaghetti di zucchini, se non avete il simpatico attrezzo per farli (una specie di temperino) tagliate gli zucchini a julienne, i pomodori e i rapanelli a rondelle, condite con un pò di olio e sale.

Su ogni piatto da portata mettete un pò di insalata mista. Dividete in quattro porzioni il tonno, prendete un coppapasta, appoggiatelo sull’insalata ed inserite il tonno.

Su ogni tartare mettete un pò di marinatura ed eventualmente una spolverata di prezzemolo e/o erba cipollina.

Che ne dite? Vi assicuro che ci vuole più tempo a leggere la ricetta che a realizzarla!

Ai fornelli!

Sabrina

SONY DSC

Annunci

Pollo alle mandorle

Buongiorno Cucchiarine e Cucchiarini!

Come state? Iniziata l’estate? Qui si alternano giornate caldissime e cambi repentini di temperature con 10 gradi in meno!
E’ sempre difficile decidere cosa cucinare, qualcosa di freddo o qualcosa di caldo? Oltretutto, in questo periodo ho spesso voglia di cucina etnica…
Ricordo quando a 14 anni aprì nel paese vicino al mio, il primo  ristorante cinese!!! Quante cene!!!
Tanto per la cronaca vorrei dirvi che ha aperto un ristorante giapponese soltanto due anni fa, questo è il lato negativo di abitare in periferia.
Una di queste sera, annoiata dalla pioggia, nel periodo del mio compleanno, mi sono proprio ricordata di queste mille cene che si facevano con amiche, compagne di classe fidanzati ed aspiranti tali.
Mio marito non impazzisce per la cucina cinese ma io.. indovinate? Certo che si!
Così mi sono messa ai fornelli
Sapete cosa è successo? Mio marito ha detto di rifare questo piatto più spesso!!!

POLLO ALLE MANDORLE

Ingredienti per 4 persone:

  • SONY DSC500 g circa di petto di pollo
  • 150 g mandorle pelate
  • 1 scalogno
  • 2 cucchiai olio di semi
  • 6 cucchiai salsa di soia
  • un pizzico di zenzero
  • Maizena q.b.
  • 200 g riso basmati

Preparazione:

Preparate subito il riso: in una pentola capiente fate bollire abbondante acqua, aggiungete un pò di sale e il riso quando l’acqua arriva ad ebollizione e fate cuocere come indicato dalla confezione. Scolate ed aggiungete un filo di olio extravergine di oliva.
Tagliate il petto di pollo in quadrati regolari, più le dimensioni saranno simili più sarà facile ed omogenea la cottura! Passateli nella maizena in cui avrete precedentemente aggiunto un poco di sale.
Aggiungete un cucchiaino di olio in una pentola antiaderente e fate tostare per qualche minuto le mandorle a fuoco vivace. Mettetele da parte. Nella stessa pentola aggiungete il restante olio, lo scalogno tagliato fine e lo zenzero, fate rosolare finché lo scalogno non imbiondisce, aggiungete i bocconcini di pollo e fate cuocere a fuoco medio per circa 20 minuti.
Il tempo di cottura, come scrivevo prima dipende molto dalla grandezza con cui taglierete i bocconcini.
Infine unite le mandorle tostate e la salsa di soia, abbassate la fiamma e mescolate delicatamente gli ingredienti.
Fate cuocere ancora qualche minuto e servite con il riso basmati!
“Ma tu dormi ancora un po’ non svegliarti ancora no
Ho paura di sfiorarti e rovinare tutto
No, tu dormi ancora un po’ ancora non so
Guardarti anch’io nel modo giusto…”
SONY DSC

Hamburger di prosciutto

hamburger_prosciutto_modificato-1Cucchiarine e Cucchiarini buongiorno!!!

Venerdì finalmente! Anche oggi ho deciso di dedicare una ricetta ai Piccoli Gourmet.

Al mio bambino piacciono un sacco gli hamburger di prosciutto… lui li mangerebbe anche tre volte al giorno!!!! Così è da un po’ di tempo che ho deciso di farli io… la ricetta è molto semplice piace ai grandi ed ai bambini, il risultato meraviglioso! Normalmente io acquisto i fondi del prosciutto cotto così diventa una ricetta economica!!!!

Molto più buoni di quelli acquistati, assolutamente più genuini e salutari, si possono anche conservare in freezer! Che volete di più!?!?!

Ingredienti per circa 6 hamburger di prosciutto (diametro 5 cm)

  • 300 g prosciutto cotto
  • 30 g grana
  • Pangrattato q.b.
  • Latte q.b.

Togliete l’eventuale grasso del prosciutto e tagliatelo a cubetti. Frullatelo ed aggiungete il latte e il grana fino a quando diventerà cremoso e omogeneo.

A questo punto, se dovesse risultare troppo morbido aggiungete il pangrattato.

Aiutandovi con il coppapasta o se avete l’apposito attrezzo formate la classica forma da hamburger.

Con un coltello imprimete le righe tipiche dell’hamburger.

Ponete in frigo circa mezz’ora affinchè rassodino.

Cuocete in una padella antiaderente 2-3 minuti per lato.

Buon lavoro e buon week end!!!!

Hamburger prosciutto_modificato-1

L’idea in più:

Potete divertirvi con i vostri bambini a trasformare gli hamburger in simpatiche faccine

Salmone al Nizza

Abbinamento inusuale. Io lo adoro. Matrimonio azzardato e delizioso.

Salmone_nizza_modificato-1Ingredienti per 4 persone:

  • 4 tranci di salmone
  • 1 bottiglia di Nizza (nel mio caso 900 Neuvsent – Cascina Garitina)
  • un mazzo di erbe aromatiche

per accompagnare:

  • 200 g di maionese
  • Erba cipollina

Una ricetta facilissima. In una teglia mettete il salmone, copritelo con il Nizza e aggiungete le erbe aromatiche tagliate fini. Ponete in frigo per almeno 2 ore, girando ogni tanto.

Preparate la maionese e aggiungete qualche cucchiaio di vino. Subito si “spaccherà” ma poi prenderà di nuovo consistenza. Aggiungete erba cipollina. Conservate in frigo fino al momento di servire.

Salmone_nizza_Garitina_modificato-1In una pentola antiaderente fate scaldare il Nizza aromatizzato e cuocete il salmone per alcuni minuti per lato (dipende dallo spessore del trancio).

Servite caldo accompagnato dalla maionese al Nizza.

Con queste due ricette ho voluto dare la mia rappresentazione del Nizza Neuvsent. Come ho già scritto in settimana un vino dove convivono modernità e tradizione.

Spero di avervi incuriosito al punto di mettervi tutti ai fornelli con una bottiglia di Nizza Neuvsent, salmone e asparagi!

Ci vediamo al Giro del Nizza!

Salmone_nizza_Garitina_900_morino_modificato-1

L’IDEA IN PIU’:

Scottate per qualche minuto le parti esterne del porro e mettetele intorno al salmone.

Zuppa parigina

Cucchiarine e Cucchiarini buona sera.

Tra le tante passioni che ho, alcune di esse sono come meteore che lasciano nel cielo della mia vita una scia, a volte breve a volte lunga…al contrario ci sono alcune passioni che sono fisse lì nel mio cielo come il sole e le stelle…

Il blog è nato per la passione della cucina e della musica che condivido con alcune amiche, poi amo anche andare a correre, come pure poltrire con un libro in mano, oppure creare…..

E adoro come tutti un sacco di altre cose, tra cui una città. Parigi. In casa ho quadri e diversi oggetti che custodisco gelosamente raffiguranti Parigi. Solo domenica mi hanno regalato un monorecchino il cui pendente è una strepitosa Tour Eiffel in argento tibetano. Anche se è in miniatura è strepitosa e mi emoziona. Quest’estate mi hanno regalato una piccolissima giostra con i cavalli, che per me è assolutamente sinonimo di Parigi ed evidentemente anche per chi me la ha donata…

Zuppa_parigina_modificato-2Proprio oggi ho finito di leggere un libro che mi ha inizialmente delusa, a causa della traduzione del titolo “That Part Was True” diventato in italiano “P.S. Non dimenticare Parigi” (Deborah McKinlay). Mio marito, uomo di marketing mi ha subito additata come una consumatrice “boccalona” che se legge la scritta Parigi acquista tutto. “Come gli Americani!!!”. Proprio un autore americano è il protagonista del libro. Jack è uno scrittore cinquantenne affermato che attraversa un periodo di crisi, sia nella vita sentimentale che in quella lavorativa.

Eve è una donna inglese con una vita semplice all’apparenza, chiusa nel suo guscio che si è creata per le delusioni d’amore e per il rapporto difficile con la figlia. Terminato il romanzo di Jack, Eve gli scrive un biglietto per complimentarsi e riceve risposta. Inizia una corrispondenza affiatata che, partendo da scambi di consigli culinari, diventa poi un sincero confidarsi a vicenda, finchè Jack le propone di incontrarsi a Parigi….

Quale connubio migliore tra cucina e Parigi?

Così oggi per la rubrica “LE RICETTE DEL WEEK END” vi propongo una ricetta parigina che adoro, a base di cipolle (ed è questo il motivo per cui ve la propongo oggi!).

 

ZUPPA PARIGINA

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 g di cipolle (meglio se bianche)
  • 40 g di burro
  • 40 g di farina
  • 1 litro circa di brodo (fatto col vostro dado vegetale granulare mi raccomando!)
  • 100 g di formaggio tipo Gruyere o Brie (a vostro piacimento, sono due tipi di formaggi molto diversi)
  • Sale
  • Pepe
  • 400 g di pane

Preparate il brodo vegetale. Pulite le cipolle, affettatele finemente, fatele appassire con il burro in una padella antiaderente. Proseguite la cottura coprendole per circa 10 -15 minuti. Aggiungete, se necessario un po’ di vino bianco (questa è una mia personalissima variante, dubito lo facciano nei migliori ristoranti di Parigi).

Aggiungete la farina setacciata. Mescolate fino a far assorbire la farina, aggiungete metà del brodo, coprite e cuocete per circa 30-40 minuti a fuoco moderato. Aggiungete poco per volta il rimanente brodo.

Aggiungete il formaggio scelto, salate, pepate e servite con i crostini di pane.

Una variante è mettere la zuppa in una terrina di coccio e passarla in forno pre riscaldato a 220° funzione grill per alcuni minuti.

Bon apétit!

Zuppa_parigina_modificato-3

Polpette carne e spinaci

Cucchiarine e Cucchiarini Buongiorno!

Al Venerdì cercherò di alternare le mie due nuove rubriche, “le ricette del week end” e “piccoli gourmet”. La ricetta di oggi è da realizzare con i vostri piccoli che saranno felici di preparare la cena al papà, ma non solo! E’ pensata anche per i bimbi che, come il mio, non mangiano la verdura da sola, ma fortunatamente, se cucinata come in questo caso mescolata insieme ad altri ingredienti più ‘sfiziosi’, la divorano!

Ai fornelli!!!

 

Polpette_spinaci_sorpresa_festa_papa3_modificato-1Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di spinaci lessati
  • 250 g di carne macinata
  • 1 uovo
  • grana grattugiato
  • pane grattugiato q.b.
  • sale

Tritate gli spinaci dopo averli lessati e strizzati bene, metteteli in una ciotola e aggiungete la carne macinata, l’uovo, il parmigiano e salate. se il composto risulta troppo asciutto aggiungete un po’ di latte, al contrario se è troppo appiccicoso aggiungete il pane grattugiato.

fatevi aiutare dai piccoli chef per formare delle palline.

Cuocete in forno caldo a 180 per circa 15-20 minuti!

Facile no?

L’IDEA IN PIU’

Inserite dei pezzi di formaggio all’interno della polpetta… diventeranno simpatiche polpette con sorpresa filante!!!!

Polpette_spinaci_sorpresa_festa_papa_modificato-1

Riso integrale, piselli e zafferano

Riso_zafferano_piselli_modificato-1

Cucchiarine e Cucchiarini ai fornelli!!!!

Domani è la Festa della Donna, vi ho dato idee per preparare un primo, un secondo ed un drink.

Oggi vi propongo un piatto unico. Da preparare prima, poiché ho utilizzato il riso integrale che ha una cottura molto lunga…. ed i piselli, che devono essere messi in ammollo per 12 ore circa (leggete sempre le istruzioni).

Un piatto unico, veloce, gustoso e genuino, suggeritomi dalla bellissima Dottoressa Claudia!!!!

Buon lavoro!

 

Riso_zafferano_piselli2_modificato-1Ingredienti per 4 persone:

  • 300 g di riso integrale
  • 1 cipolla
  • 160 g di piselli secchi
  • 1 bustina di zafferano
  • Vino bianco

La sera prima mettete in ammollo i piselli in acqua fredda.

In una pentola capiente mettete a bollire l’acqua con un pizzico di zafferano e un poco di sale grosso. Aggiungete il riso integrale, fate cuocere per il tempo indicato sulla confezione.

Nel frattempo, in una pentola antiaderente, mettete la cipolla a soffriggere con un po’ di vino bianco, aggiungete i piselli e bagnate con l’acqua di cottura del riso.

Quando il riso sarà pronto fate saltare un minuto con i piselli e aggiungete lo zafferano rimasto.

Servite caldo.

 

L’IDEA IN PIU’.

Se volete potrete preparare prima il riso e i piselli. Una volta scolato il riso immergetelo in acqua e ghiaccio, in modo che si fermi la cottura.

Conservate piselli e riso in contenitori separati in frigo con un filo d’olio.

Prima di servire riscaldate i piselli e saltate il riso. Servite caldi e aggiungete all’ultimo lo zafferano!

Potrete inoltre impreziosire il piatto con qualche bacca di goji!!!

Buon appetito!

Riso_zafferano_piselli_modificato-1

 

Totani e patate #petaloso

Cucchiarine e Cucchiarini buongiorno!

Siamo in Quaresima ed è venerdì, inoltre martedì sarà la Festa delle Donne. Avete pensato di organizzarla a casa vostra? Sarebbe carino, io vi propongo alcuni ‘piatti gialli’, sarà un successo!

Inoltre ho scattato le foto il giorno in cui tutto era #petaloso, così ho deciso di mettere una bella primula e di presentarvi:

 

Totani_patate_curry_modificato-1TOTANI E PATATE PETALOSO
Ingredienti per 4 persone:

  • 520 g di totani
  • 500 g di patate
  • Curcuma
  • 4 cucchiaini di olio
  • Prezzemolo

 

La ricetta è talmente facile che mi vergogno quasi a spiegarvela. Portate a bollore l’acqua in una pentola capiente. Sbucciate e tagliate a pezzetti le patate, immergetele nell’acqua bollente che aromatizzerete con la curcuma.

Dopo 10-15 minuti di cottura le patate saranno quasi pronte, a quel punto, nella stessa acqua immergete i totani che dovranno cuocere 3 minuti se li avete acquistati freschi, 7-8 minuti se sono congelati.

Scolate la vostra insalata, condite con olio, prezzemolo, aglio (facoltativo) ed eventualmente ancora una spolverata di curcuma.

Servite tiepida o fredda, è deliziosa!!!!!

Io completo il mio piatto con del pane integrale (circa 50 grammi a persona) e una super insalatina freschissima!

Buon lavoro e buon appetito! Totani_patate_curry2_modificato-1

L’IDEA IN PIU’

Un pò di sale rosa dell’Himalaya… un tocco di colore e gusto!