Pere al Brachetto

Cucchiarine e Cucchiarini buongiorno!

Eccomi qua con un piatto veloce, gustoso, da preparare prima, o all’ultimo momento. E’ una soluzione ottimale anche per uno snack in ufficio o un dessert sfizioso anche nella sua semplicità.

La ricetta è veramente facile, così facile che mi vergogno quasi a pubblicarla, ma tante mie amiche quando parlo di pere al forno mi guardano strabuzzando gli occhi… quindi ho deciso che nonostante sia una ricetta super mega facile, la condividerò con voi e spero che la apprezziate quanto l’amo io!

pere_brachetto_marino_alforno_1_modificato-1Ingredienti per 4 persone

  • 4 pere
  • 1 bicchiere di Brachetto (nel mio caso Piemonte DOC Brachetto BRAMUSA di Beppe Marino)
  • granella di nocciole (facoltativa)
  • cannella (facoltativa)

Se non siete sicuri sulla provenienza delle pere sbucciatele e togliete loro il torsolo. Se siete sicuri della loro provenienza bio lasciate la buccia.

Poichè questo dolce risulterà molto leggero ed è buono anche il giorno dopo, io vi consiglio di non accendere il forno solo per 4 pere ma fatene in abbondanza, una volta cotte conservatele in contenitori a chiusura ermetica, in frigo e gustaltele per i giorni seguenti.

Mettete in forno a 180° (se sono senza buccia) o a 200° (se hanno la buccia) e bagnate con il Brachetto. Cuocete per 30 minuti.

Servite con una spolverata di cannella o granella di nocciole.

Buon lavoro!

pere_brachetto_marino_alforno_3_modificato-1

Annunci

Zuppa zucca e carote…

…al profumo di moijto.

 

Zuppa_zucca_carote_estiva_moijto_modificato-1Un titolo un po’ lungo vero? Ultimamente le ricette hanno titoli così lunghi che si fa prima a divorare il piatto che a dirne il nome!!

Così se vi va questa è una zuppa di zucca e carota, semplicissima, sennò potrete aggiungere un’ulteriore descrizione.

Sabato è la festa del papà, si festeggia in tutta europa la figura del papà che è così importante. Ho deciso di proporvi questo piatto per questa festa perché sono sicura che con la variante moijto ai papà piacerà moltissimo!!!

 

Zuppa_zucca_carote_estiva_modificato-1Ingredienti per 4 persone:

  • 500 g zucca
  • 300 g carote
  • 1,5 l acqua
  • 1 cucchiaino di dado vegetale granulare
  • 1 cipolla o 3 cm di porro
  • ½ bicchiere di rum bianco
  • Scorza di un limone bio
  • Menta o mentuccia

Pulite e tagliate le verdure. In una pentola antiaderente mettete il porro o la cipolla a soffriggere con il rum, aggiungete dopo qualche minuto le carote e la zucca.

A parte preparate il brodo con l’acqua e il dado (lo avete preparato domenica? J ).

Quando il brodo inizierà a sobbollire aggiungete le verdure saltate nel rum.

Coprite e fate bollire per circa 20 minuti. Frullate e proseguite la cottura per ulteriori 10 minuti.

Servite caldo aggiungendo per ogni piatto scorza di limone e mentuccia.

Che profumo d’estate!!!!

Zuppa_zucca_carote_estiva_moijto_lime_modificato-2

L’IDEA IN PIU’:

Potrete far sobbollire la zuppa finchè risulterà una crema e potrete servire come antipasto leggero e gustoso su pane tostato o gallette di riso.

 

Dado Granulare Vegetale

Dado_vegetale_graulare_modificato-1

Ricette del week end!

Cucchiarine & Cucchiarini, si avvicina il week end!

Da sempre per me vuol dire qualche ora in più in cucina, credo e spero anche per voi, e in questo angolo cercherò di farvi venire voglia di preparare delle piccole “scorte” o piatti un po’ più complessi.

Oggi volevo dedicare questo spazio a quella che per me è la base di moltissimi piatti: il dado granulare!

Avete mai pensato di farlo in casa? Io lo faccio da molto tempo, forse è stata la prima ricetta grazie a  cui ho capito la bellezza e l’utilità delle scorte.

Il procedimento è molto semplice, ma richiede molte ore in forno, per questo ho deciso di inserire la ricetta in questo spazio.

Il risultato è garantito, in più vi assicurerete una base ultra genuina per i vostri piatti, senza glutammato, extra sali e conservanti!!!! Vi ho convinti?

Si parte!

Dado_vegetale_verdure_modificato-1Ingredienti per circa 2 vasetti da 250 grammi:

  • 2 carote
  • 2 zucchine
  • 2 patate
  • 100 g zucca
  • 100 g sedano
  • 1 cipolla
  • un mazzetto di prezzemolo
  • 1 spicchio di aglio
  • 300 g circa di sale
  • 1 cucchiaio olio d’oliva

Pulite e tagliate le verdure a cubetti, mettetele in un contenitore e pesatele. Aggiungete 1/3 del loro peso in sale (le mie pesavano circa 840 grammi, quindi ho messo 280 grammi di sale), e il cucchiaio di olio, mescolate bene.

Prelevatene un po’ per volta e frullate finemente.

Stendete il composto sulla placca da forno e cuocete a 120° per 6 ore circa, finchè il composto risulterà asciutto. Staccate il composto e frullatelo nuovamente.

Mettete nei vasetti. Conservate in un luogo fresco ed asciutto. Si dovrebbe conservare per circa 1 anno (io lo consumo mooolto prima!!!).

Buon lavoro!

Dado_vegetale_graulare2_modificato-1

Torta integrale all’acqua

torta integrale all'acqua senza latte burro uovaBuongiorno Cucchiarine e Cucchiarini!

Carichi per la giornata? Con le mie friends diciamo sempre: “mercoledì la settimana è in discesa!!!”, quindi auguro anche a voi di avere una buona giornata e di partire super carichi. Come? Una frizzante ricetta di Cucchiarando!

Una torta senza burro, uova e latte!!! Possibile? Si! Gli ingredienti iniziali erano acqua, farina, lievito, zucchero, vaniglia e olio. Quando ho letto questa ricetta, ho pensato “non è chimicamente possibile che questa roba diventi torta!!!” e poi… ecco, io sono riuscita a variarla e a togliere anche l’olio!!! Eccola qua! Veloce, leggera, gustosa, se volete renderla più sfiziosa aggiungete un po’ di marmellata et voilà!

Colazione o merenda ideale! Ringrazio la mia amica intollerante all’uovo e al burro che mi ha fatto sperimentare ricette leggere e buonissime… ma ora basta ciance: andiamo ai fornelli!!!

Ingredienti per uno stampo di 24 cm di diametroTorta integrale all'acqua

  • 330 g acqua naturale a temperatura ambiente
  • 300 g farina integrale
  • 200 g zucchero di canna
  • 1 bustina lievito
  • 1 bustina vanillina

 

Preparazione:

In una ciotola capiente versate l’acqua a temperatura ambiente e lo zucchero mescolate fino a farlo sciogliere completamente. Questa è la parte più lunga di questa torta facilissima!

Unite la farina setacciando, la vanillina e la bustina di lievito. Mescolate ancora finchè il composto risulterà liscio ed omogeneo.

Foderate lo stampo rotondo di 24 cm di diametro e foderatelo con la carta da forno.  Versate il composto e cuocete a 180 per circa 30 minuti (controllate sempre la cottura con il classico modo dello stuzzicadenti infilzato: deve uscire completamente asciutto!!).

Guarnite con zucchero a velo e frutti di bosco, oppure lo zucchero a velo di canna (se non lo trovate in commercio potrete comodamente prepararlo a casa!) oppure la marmellata preparata durante l’estate!

Buon lavoro!!!

torta integrale all'acqua senza burro

Sullo sfondo si intravede il mio amatissimo borgo antico, la vista che ogni giorno accompagna le mie giornate!!!

 

Insalata colorata

Ingredienti

  •  ½ piede di radicchio trevisano variegato  IGP
  • 1 rapa rossa o barbabietola
  • Sale
  • Pepe
  • Olio d’oliva

 

Amo molto il radicchio trevisano variegato perché già di suo sembra un bel fiore e questa è proprio la sua stagione.

Per accompagnare i vostri secondi con un’insalata facilissima, super veloce ma che aggiunge un bel tocco di colore alla vostra tavola ecco qui:

Se non utilizzate le rape rosse già cotte, lavare bene il tubero, pelarlo e farlo bollire per 20 minuti tagliata a metà, in pentola a pressione o il doppio del tempo in pentola normale;

Lavare il radicchio in abbondante acqua e taglialo in foglie non troppo piccole; lasciar raffreddare la rapa e tagliarla a “petali.

Impiattare e condire con olio, pepe e sale.

Io non amo l’aceto con la rapa rossa quindi non lo ultilizzo, ma ovviamente è personale.

P1050325 (1024x768)

Falafel

Oggi proponiamo qualcosa di etnico, adatto anche a celiaci e vegeterianini / vegani: i felafel.

falafel sono una pietanza araba mediorientale – presente anche nella cucina israeliana, ma probabilmente d’origine egiziana –costituita da polpette fritte e speziate a base di legumi, tra cui i più utilizzati sono le fave, i ceci e i fagioli tritati concipolla, aglio, cumino e coriandolo. I falafel sostituivano la carne nei giorni del digiuno dei copti egiziani. Il termine è formato da tre parole che in copto significavano letteralmente ‘con tanti fagioli’.

Sono particolarmente diffusi in Siria, Giordania, Egitto (in quest’ultimo paese sono noti principalmente nella versione a base di fave col nome di traslitt. ta’amiyya) e Israele, dove la pietanza è apprezzata da tutte le comunità, quale che sia la loro religione. I palestinesi di Gerusalemme est e quelli del quartiere di Jaffa, a sud di Tel Aviv, servono e mangiano falafel come gli israeliani di origine ebraica, che li ammettono in quanto interamente vegetali e conformi ai precetti kosher che regolano l’assunzione e la preparazione degli alimenti nella religione ebraica.

Il grande successo dei falafel è dovuto alla loro economicità e praticità. In Medio Oriente sono reperibili ovunque: nelle bancarelle delle grandi città, nei villaggi, nelle stazioni di rifornimento nel deserto; in Europa sono stati introdotti dalle rosticcerie turche come alternativa vegetariana al kebab. In Italia si trovano nelle pizzerie gestite da egiziani, che li mettono anche sopra la pizza. 

Ingredienti

  • 400 g di ceci
  • 1 cipolla tritata
  • 1 mazzo di prezzemolo tritato
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 cucchiaini di cumino
  • 1 cucchiaino di coriandolo macinato
  • olio per friggere quanto basta
  • pepe
  • sale

2013-05-12 13.53.06

Preparazione

Lasciare i ceci in ammollo per almeno 24 ore.

Scolarli e togliere la buccia ove necessario.

Mettere in un frullatore i ceci, la cipolla, l’aglio, il prezzemolo, i semi di coriandolo macinati, il cumino, un pizzico di pepe ed il sale.

Frullare per fino a quando l’impasto risulterà liscio ed omogeneo. Lasciar riposare il composto in frigo per 1 ora affinché si rapprenda.

Nel caso in cui il composto risultasse troppo liquido è possibile aggiungere della farina.

Formare quindi delle polpette medie e dorarle nell’olio bollente, girandole dolcemente, per 4 minuti circa. Quando le polpette sono ben colorite toglietele e asciugatele con la carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.

I Falafel vanno serviti caldi con un pane arabo basso e soffice tagliato a tasca e vanno accompagnati con salsa tahina, hummus o  verdure.


2013-05-12 13.52.38

Colazione di San Valentino

il primo San Valentino in tre e fare una sorpresa ai propri uomini!

Idea Creativa… Portafoto temporaneo!

DSCI0047

Fissate un nastro a due estremità del muro (nel mio caso ho messo una puntina sullo stipite della porta e l’altro cappio l’ho fissato ad un mobile) attaccate con scotch e filo di ferro per cambiare la lunghezza le foto che sono più importanti per voi.
potete abbellire il tutto anche con cuoricini di pannolenci!

Per apparecchiare la tavola potete usare tovagliette rosse e sistemare i tovaglioli a “nodo d’amore”.

Piegare in due il tovagliolo, effettuare nella parte più lunga delle pieghe, cercando di farle della stessa grandezza.

Fate un nodo a metà ed aprite a ventaglio.

DSCI0054

American Pancakes

Ingredienti per 4 persone

  • 250 g farina
  • 2 cucchiaini rasi di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  •  250 ml di latte
  • 2 uova
  • 50 g di burro fuso
  • Cannella (io ne metto un cucchiaino) e noce moscata a piacere

Per servire:

  • noci di pecan a pezzetti
  • sciroppo d’acero (o miele)

    DSCI0049

Sciogliere a fuoco lento il burro nella stessa padella in cui si cucineranno i pancakes.

Con una frusta sbattere le uova col latte.

Setacciare la farina insieme alla cannella, alla noce moscata, al lievito per dolci, al sale e allo zucchero.

Aggiungere alla farina il latte ed il burro fuso e mescolare fino ad ottenere una pastella liscia.

Riscaldare la padella asciugando l’eventuale burro in eccesso con un foglio di carta da cucina.

Versare la pastella in cucchiaiate abbondanti, in modo che si formino dei cerchi di circa 8 cm di diametro.

Appena cominciano ad apparire delle bolle sulla superficie (dopo circa 1 minuto), rigirare il pancake e cuocere per un altro minuto.

Impilare i pancakes uno sull’altro e tenerli in caldo.

In un pentolino riscaldare lo sciroppo d’acero ed aggiungervi le noci di pecan tritate (io avevo solo noci tradizionali, vanno bene anche quelle).

Al momento di servire versare lo sciroppo caldo sui pancakes.

(Ovviamente vista la festività potete dare libero sfogo alla vostra fantasia per la forma dei vostri Pancakes!)

Succo di frutta Frutti Rossi

DSCI0056

 Ingredienti per due persone

  • 200 ml di succo di arancia rossa
  • 100 g di fragole (o succo di fragole)
  • 1 pesca sciroppata
  • 1/2 cm di zenzero fresco

Frullate le fragole, la pesca sciroppata e lo zenzero.
Aggiungete il succo di arancia rossa e frullate ancora per rendere il tutto più omogeneo.
Servite subito a temperatura ambiente.
N.B. = lo stesso frullato con l’aggiunta di 100 ml di vodka può essere utilizzato per un aperitivo o un dopocena.

a domani con la ricetta dei Muffin al Cioccolato e Toast!