Cream Biscuit

Chiamatela Cream Tart, Birthday Cake o Number Cake, non importa: è la torta del momento che sta impazzando sul web.

Arriva dagli Stati Uniti e il suo aspetto scenografico ha davvero incantato tutti. Come al solito esistono diverse varianti a seconda della base utilizzata (pasta biscotto, pasta sfoglia, pasta frolla, pasta sablèe) e della forma, dove c’è l’imbarazzo della scelta: lettere, numeri (da qua deriva l’appellativo di Number Cake o Birthday Cake), o a forma di cuore come ho scelto io.

Il top è rappresentato dalla crema a base di mascarpone e dalle decorazioni a base di frutta, caramelle, cioccolato, biscotti, fiori, macaron, meringhe… insomma sbizzarritevi!

Io l’ho preparata con il mio piccolo aiuto cuoco Lorenzo (sei anni) e ho scelto la forma di cuore in onore di San Valentino (vorrebbe regalarla alla sua “amata”). Ho utilizzato dei tagliabiscotti, così da avere delle monoporzioni finger food… non sarà la vera Cream Tart ma vi basterà ritagliare una sagoma più grande ed avrete la vostra torta!

Unico lato negativo dei biscotti? Il poco lo spazio per le decorazioni, per questa ragione ho utilizzato soltanto piccoli cuori e gocce di cioccolato!

 

Cream Biscuit

Per i biscotti:

  • 190 g farina 00
  • 30 g farina alle mandorle
  • 130 g burro a temperatura ambiente
  • 60 g zucchero a velo
  • 1 uovo
  • un pizzico sale

Per la crema:

  • 250 g mascarpone
  • 150 g panna
  • 100 g latte condensato

Procedimento:

In una ciotola lavorate il burro a temperatura ambiente e tagliato a pezzetti con la farina, la farina di mandorle, il sale, lo zucchero e per ultimo aggiungete l’uovo e l’essenza di vaniglia.  Lavorate finché otterrete un composto liscio e omogeneo.  Avvolgete la pasta nella pellicola e fate riposare in frigo per circa 30 minuti. Trascorso questo tempo, stendete la pasta (io l’ho stesa di 6 mm). Disegnate le sagome che più vi piacciono o se volete copiare la mia idea, utilizzate dei tagliabiscotti. Fate cuocere in forno già caldo a 180° per circa 15 minuti. Sfornate e fate raffreddare bene.

Ora preparate la crema! Montate la panna e successivamente aggiungete il mascarpone e il latte condensato. Lavorate finché otterrete una crema densa ed omogenea (e deliziosa!!!).

Ora la parte più divertente: prendete il primo biscotto e con la sac à poche, ricoprite con dei ciuffi di crema tutta la superficie. Ricoprite il secondo biscotto allo stesso modo ed uniteli.

Ripetete questa operazione fino ad esaurire i biscotti e la crema (se avete optato per la versione torta dovrete avere due soli strati di biscotto). Ora decorate! Lasciate libero sfogo alla fantasia: frutta, cioccolato, macaron, meringhe, frutti secchi, fiori, zuccherini, gocce di cioccolato…

E buon San Valentino!

 

 

Annunci

L’Estate addosso!

Sapete quanto ami Lorenzo “Jovanotti” Cherubini, non posso non citarlo in questo articolo di fine agosto…

Ogni anno la fine di Agosto significa anche la fine dell’estate, dei bagni, del caldo… ma in realtà non è affatto così!!!

Perché proprio come canta il mio idolo:

“Prima che il vento si porti via tutto
e che settembre ci porti una strana felicità
pensando a cieli infuocati
ai brevi amori infiniti
respira questa libertà
ah ah ah ah
l’estate e la libertà!”

Quindi partiamo super carichi per affrontare questi ultimi sprazzi di caldo e d’estate perché non so per voi, ma per me è proprio vero, settembre porta sempre con sé una strana felicità: nuovi propositi, nuovi inizi, voglia di ripartire, e noi…. RIPARTIAMO!!!

TUTTO ACCESO!!!!!! GOOOOOOOOO!!!!

More sciroppate

Buongiorno Cucchiarini e Cucchiarine! IMG_20150628_212929

Periodo di conserve e marmellate…. io ho iniziato con la marmellata di fragole e ieri sera ho fatto le more sciroppate.

Ho pensato (e mi è stato chiesto) di condividere la ricetta, così la pubblico, scusate se le foto non sono il massimo ma questa ricetta è un “fuori programma”!!!

Ingredienti:

  • 1 kg di more di bosco
  • 2 cucchiai di zucchero semolato
  • il succo di un limone (facoltativo)

Preparate i barattoli (non vi sto a raccontare come fare, lo sapete meglio di me!), eliminate il picciolo delle more, scegliete i frutti maturi e passateli sotto un filo di acqua fredda.

Fateli sgocciolare, asciugateli con delicatezza e metteteli nei barattoli cospargendoli di zucchero e succo di limone.

Chiudete ermeticamente e immergete i barattoli in una grande pentola piena d’acqua.

quindi portate ad ebollizione e lasciate bollire per un quarto d’ora, facendo raffreddare i barattaoli nella pentola.

Riponeteli al fresco e al riparo dalla luce.

Ottimi d’inverno per decorare torte, oppure da abbinare a formaggi come il Brie.

Buon lavoro!!! 2014-12-17 20.40.33

Riso venere in giallo

Riso in giallo Buongiorno Cucchiarine e Cucchiarini, al lavoro!!!

Oggi cuciniamo un piatto che lega il racconto “non possiamo che migliorare” con la festa della donna. E’ ottimo caldo e freddo, unico sgarro, ho utilizzanto un prodotto che è il re dell’estate, ma per una volta concedetemi un ortaggio fuori stagione! Il riso venere in giallo si presta sia come piatto unico che, in quantità ridotte e servito in piccoli bicchierini come aperitivo.

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 peperoni gialli
  • 1 petto di pollo
  • 3 fette di ananas fresco
  • zafferano
  • cipolla bionda
  • 240 g di riso venere
  • olio
  • sale

Per prima cosa pulite i peperoni e tagliateli a quadratini, preparate una padella antiaderente in cui verserete un cucchiaino di olio la cipolla pulita e tagliata fine e non appena si imbiondirà aggiungete i peperoni.

Pulite e tagliate a dadini anche l’ananas e il petto di pollo e aggiungeteli alla padella antiaderente, salate e se necessario aggiungete un po’ di acqua o brodo vegetale.

Intanto preparate il riso venere. In una pentola capiente mettete abbondante acqua salata e quando bolle mettete il riso, fate bollire per i minuti indicati sulla confezione.

Quando la cottura del riso sarà quasi terminata aggiungete lo zafferano, scolate il riso e saltate in modo che si amalgami bene.

Buon appetito e buon lavoro!

Riso_in_giallo

Cucchiarine… ai fornelli!!!

compleanno

Siamo tornate!!!!

Alla vigilia del quarto compleanno sono doverose alcune considerazioni e ringraziamenti.

Vi è mai successo di cucinare con le amiche?

Sicuramente si. Io ho avuto la fortuna di incontrare delle amiche speciali che purtroppo abitano davvero lontano da me. Quello che da sempre ci unisce e ci fa sentire vicine è la nostra passione per la cucina.

Quando ci incontriamo è una festa! L’occasione per stare tutte insieme con le proprie famiglie trasforma ogni pasto in un pranzo luculliano, dove ognuna di noi porta i piatti tipici della propria terra… i nostri incontri sono vere jam sessions culinarie!!!

Come avevo già scritto, il nostro blog “cucchiarando in cucina con le friends”  nasce dall’amore che abbiamo in comune per la cucina, le ricette, le sperimentazioni, facendoci magari ispirare da tendenze e mode del momento.

Keep calm… Siamo sempre noi, non siamo diventate chef Carlo Cracco o Cannavacciuolo… o altri!

Quando sono in cucina sono sempre io, la solita persona che come tutte voi, corre, lotta contro il tempo, taglia gli ortaggi con un bimbo che vuol fare la stessa cosa e ti tira i pantaloni per avere attenzione, con un cane che abbaia, un gatto che vuole rubare il pesce lasciato sul tavolo, un marito che chiama dicendo che sarà in ritardo, un’amica che arriva all’improvviso perché ha bisogno di parlare, un coniglio da portare dal veterinario, una casa in disordine e qualcosa che è bruciato sul fuoco…  vi ritrovate in questa descrizione?

Il nostro blog non è professionale, non troverete foto perfette di piatti da chef. Troverete foto di piatti che stanno per essere assaggiati (questo lo sottolineo perché le immagini dei grandi magazine sono bellissime e perfette ma spesso ciò che viene fotografato nel piatto non è cotto per ragioni estetiche!!!) e che a volte sono proprio parte integrante del pranzo o della cena, foto scattate poco prima di andare in tavola, senza ambientazioni adeguate, senza set, senza luci adatte.

Il nostro blog però ha due marce in più. L’amore per la cucina e la verità dei piatti. Con un occhio al tempo e uno al portafogli.

Per questo vi invito a seguirci su Facebook, a lasciare commenti sul blog se avete provato le ricette o se avete suggerimenti!

Inoltre potete mandare le vostre ricette (se volete allegare le foto ancora meglio) all’indirizzo cucchiarando@gmail.com .

Ringraziamo pubblicamente i nostri mariti, compagni, figli, cani, conigli e amiche, che sono sempre pronti ad aiutarci e a sostenerci in questo hobby divertente che a volte toglie loro un po’ del nostro tempo…

Grazie a voi, che ci leggete. Abbiamo un solo invito: buon lavoro cuccharine e cucchiarini!

Scones salati

Oggi è il turno di una ricetta per degli stuzzichini deliziosi, gli Scones.

Ingredienti

Per la preparazione di 12-15 Scones ci serviranno:

  • 200 gr di farina
  • 45 gr di burro
  • sale
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di lievito istantaneo
  • 100 ml di latte

Preparazione

In una ciotola unite la farina con lievito e un pizzico di sale, poi aggiungere il burro e amalgamate.

Unite l’uovo e il latte e impastate, trasferendo il composto sulla spianatoia infarinata.

A questo punto dividete l’impasto in più parti e date sfogo alla fantasia: bacon, speck, prosciutto, piselli, zucca, erbe aromatiche… abbinate anche più elementi fra loro. La nostra Annalisa li ha divisi in tre e riempiti con: pancetta a dadini & piselli; zucca cotta e tritata; basilico & prezzemolo.

Ricavare dei dischetti piuttosto spessi da ogni panetto utilizzando un coppapasta.

Disporre gli scones su una teglia e infornare a 200 gradi per 12 minuti.

Scatenate la vostra fantasia per condire gli scones…questi sono di Annalisa che li ha farciti così:

  • pancetta e piselli
  • formaggio spalmabile e prosciutto cotto
  • la zucca brie e speck
  • tonno e maionese passati nel mixer fino a formare una cremina morbida spalmabile e una fettina di pomodoro

PA060095

L’origine degli scones è da rintracciare in Scozia, dove veniva preparata una focaccia non lievitata cotta sulla piastra e tagliata poi in piccoli triangoli. Quando poi è stato introdotto il lievito istantaneo, gli scones sono divenute le piccole e morbide focaccine da tè che ancora oggi conosciamo.
La parola “scone” ha origini incerte, probabilmente riprende il nome di una cittadina scozzese, ma sicuramente è molto antica: la prima menzione sull’Oxford English Dictionary risale al 1513.

Tacos e Guacamole

Un’alternativa alla proposta precedente ma sulla stessa filosofia – e cioè l’esser facile, veloce ed economica – vi proponiamo Tacos e Guacamole!

Ingredienti

Per la salsa guacamole saranno necessari:

  • 1 avocado maturo
  • ½ cipolla rossa piccola
  • Olio
  • Sale
  • Succo di ½ limone

Preparazione

Tacos guacamole 2

Sbucciate l’avocado (se è maturo la buccia si toglie molto facilmente). Tagliate a pezzi e metteteli con un filo d’olio in un piatto. Ridurlo in crema con una forchetta.

Quando il composto risulterà morbido ed uniforme aggiungete la cipolla precedentemente tritata finemente, un pizzico di sale e il succo di mezzo limone per non far annerire.

Servire con le tacos.

Tacos e Salsa Chili

Spesso mi succede di invitare amici ma non avere molto tempo per la cucina. Ebbene si, succede anche a noi.

La soluzione migliore? Alcuni piatti informali, finger food, da presentare sulla tavola senza dovermi alzare mille volte per seguire i le pietanze in cucina, altri da preparare il giorno precedente, in modo di non arrivare all’ora della cena e aver voglia di andare a dormire distrutta dalla fatica!!!

Iniziamo con un piatto semplice, veloce ed economico: Tacos e salsa Chili.

Ingredienti

  • 50 gr macinato
  • ½ cipolla
  • ½ bicchiere di passata di pomodoro
  • 1 peperoncino rosso
  • sale
  • 1 pacchetto di Tacos

Preparazione

Tacos chilly2

Fate soffriggere la cipolla tagliata a pezzetti molto piccoli e quando risulterà dorata aggiungete il macinato.

Fatelo rosolare lentamente facendo attenzione a non bruciarlo. Cercate di sminuzzarlo il più possibile mentre cuoce.

Aggiungete la passata di pomodoro e sbriciolate il peperoncino.

Lasciate cuoce il composto finchè non si addensa.

Salare e servire in piccole ciotoline.