Pere al Brachetto

Cucchiarine e Cucchiarini buongiorno!

Eccomi qua con un piatto veloce, gustoso, da preparare prima, o all’ultimo momento. E’ una soluzione ottimale anche per uno snack in ufficio o un dessert sfizioso anche nella sua semplicità.

La ricetta è veramente facile, così facile che mi vergogno quasi a pubblicarla, ma tante mie amiche quando parlo di pere al forno mi guardano strabuzzando gli occhi… quindi ho deciso che nonostante sia una ricetta super mega facile, la condividerò con voi e spero che la apprezziate quanto l’amo io!

pere_brachetto_marino_alforno_1_modificato-1Ingredienti per 4 persone

  • 4 pere
  • 1 bicchiere di Brachetto (nel mio caso Piemonte DOC Brachetto BRAMUSA di Beppe Marino)
  • granella di nocciole (facoltativa)
  • cannella (facoltativa)

Se non siete sicuri sulla provenienza delle pere sbucciatele e togliete loro il torsolo. Se siete sicuri della loro provenienza bio lasciate la buccia.

Poichè questo dolce risulterà molto leggero ed è buono anche il giorno dopo, io vi consiglio di non accendere il forno solo per 4 pere ma fatene in abbondanza, una volta cotte conservatele in contenitori a chiusura ermetica, in frigo e gustaltele per i giorni seguenti.

Mettete in forno a 180° (se sono senza buccia) o a 200° (se hanno la buccia) e bagnate con il Brachetto. Cuocete per 30 minuti.

Servite con una spolverata di cannella o granella di nocciole.

Buon lavoro!

pere_brachetto_marino_alforno_3_modificato-1

Annunci

Torta Coccinella!

DSCI0163 Buongiorno Cucchiarine & Cucchiarini!

Oggi è il primo giorno di scuola e di asilo…. quindi ho pensato di dedicare un grande in bocca al lupo a tutti i ragazzi e alle loro mamme che si improvvisano insegnanti facendo svolgere a casa i compiti ai piccoli!

Come?

Con la torta Coccinella!!!DSCI0165

Vi potrà sembrare un procedimento lungo, ma se avete un minimo di manualità riuscirete a realizzarla in poco più di 1 ora (escluso il tempo per far raffreddare la torta!!!).

Ho preso ispirazione per la torta dall’etichetta di un vino (che poi ho anche assaggiato abbinato alla torta per festeggiare il premio “La torta più bella” che mi hanno assegnato ad agosto in una gara di torte!!!) che mi ha colpita e mi ha fatto tornare in mente che la mia casa, per un certo periodo è stata soprannominata la casa delle coccinelle, quindi mi sembrava perfetto!

Ingredienti per 6 persone

Per il pan di Spagna: la ricetta è della nostra amica Marisa, a lei che ci ha fatto venire voglia di fare le prime torte decorate un grazie speciale!!!!

(per una forma da zuccotto di 16 cm)2015-08-07 23.01.08

  • 3 uova
  • 75 g di zucchero
  • 75 g farina

Per la farcia: la ricetta è di Lina, la mamma di Mariangela. Da quando utilizzo questa ricetta… le altre le ho buttate tutte! Grazie Lina per la tua preziosissima ricetta!!!

  • 1 litro di latte
  • 100 g di amido di mais
  • 200 g di zucchero
  • 4 – 5 Tuorli
  • Buccia di limone
  • Aggiunta di Sabrina se vi va: Nutella q.b.

Per bagnare il pan di Spagna:

  • latte
  • zucchero
  • succo di fragola

Per le decorazioni:

  • 600 g pasta di zucchero
  • coloranti alimentari (io preferisco quelli in gel)
  • pazienza!

2015-08-08 20.20.44(Nella foto: coccinella triste perchè mangiata a metà!!!) Il giorno prima di servire la torta vi consiglio di preparare il pan di Spagna. Ricordatevi che deve essere freddo per essere tagliato, farcito e decorato, quindi preferisco prepararlo il giorno prima (magari alla sera) per poi farlo riposare e raffreddare.

Montate le uova intere con lo zucchero. E’ una fase molto importante, bisogna avere pazienza e montare, fino a quando l’impasto diventa chiaro, soffice e spumoso. Soprattutto deve triplicare di volume, di solito ci vogliono circa 15 minuti.

Prendete un cucchiaio di legno e cominciate ad unire la farina poco per volta, usando un setaccio. Con il cucchiaio di legno incorporate la farina dall’alto verso il basso. Dopo aver unito la farina l’impasto si presenterà gonfio.

Imburrate ed infarinate lo stampo da zuccotto e versate l’impasto. Personalmente per essere ancora più sicura del risultato rivesto lo stampo con carta da forno bagnata e strizzata.

Infornate a 180° per 30 minuti, non aprite il forno durante la cottura altrimenti il pan di Spagna rischia di sgonfiarsi.

Quando termina la cottura avvolgete il pan di Spagna in un panno da cucina pulito e fatelo raffreddare. Questa operazione consente di mantenere morbidissimo il pan di Spagna per un paio di giorni.

Mentre cuoce il pan di Spagna potrete iniziare a preparare gli occhi della coccinella, le antenne, le sopracciglia e le guance (facoltative)  e, se vi va, dei cuoricini al posto dei classici puntini.

Una volta che il pan di Spagna sarà raffreddato procedete con la preparazione della crema pasticcera di Lina:

Riscaldate il latte unendovi la scorzetta di limone e mescolatelo  allo zucchero.

DSCI0167Versate i tuorli e lo zucchero in una pentola, sbattete il tutto fino ad ottenere un composto spumoso e biancastro.

Unite l’amido setacciato e mescolate per incorporarlo al composto di tuorli e zucchero.

Sempre continuando a mescolare versate a filo il latte caldo ma non bollente, dopo aver eliminato la scorzetta di limone.

Mettete sul fuoco e senza smettere di mescolare SEMPRE NELLO STESSO SENSO portate a bollore, abbassate un pochino il fuoco e fate sobbollire per 3 o 4 minuti.

Versate la crema in una ciotola per interrompere la cottura, e se non la usate subito ricopritela con la pellicola da cucina facendola aderire alla crema, questo permetterà di evitare la formazione della spiacevole pellicola superficiale.

A questo punto ponete lo zuccotto su un piano di lavoro e tagliatelo formando tre strati, ognuno dei quali deve essere ben bagnato affinché il risultato finale della torta sia ottimale. Farcite la torta con la crema pasticcera.

IMG_20150802_205322Preparate la pasta di zucchero colorandola di rosso e ricoprite la vostra coccinella. Con la pasta di zucchero nera (io la compro già colorata perché il nero sennò tende in realtà al grigio) ritagliate un rotondo che sarà il viso. Posizionate gli elementi decorativi del viso e del corpo facilitandone l’adesione con un po’ di latte.

Io ho preparato due versioni della torta. Vi lascio entrambe le foto affinché possiate prendere ispirazione dall’espressione che più vi piacerà.

Vi consiglio anche l’abbinamento, che ancora non vi ho detto: Asti D.O.C.G. – Sorì Valentino di Beppe Marino

Ah, ancora vi devo raccontare come ci siamo conosciuti! Ma questo articolo mi sembra già abbastanza lungo, voi iniziate a dare un’occhiata al sito https://www.beppemarino.it/wordpress/ , nei prossimi giorni ne riparleremo….

Buon lavoro!!!! Buon rientro a scuola!!!

IMG_20150802_204810

P.S.

Auguri al mio papà!

Riso Venere zucchini, gamberetti & gamberoni

20150808_195344

Buongiorno Cucchiarine & Cucchiarini!

Siete ancora in vacanza?

Sempre per restare sul tema paste fredde da preparare prima (magari anche la sera con il fresco per il torrido pranzo),  pensandovi ancora al mare con dei fornelli ridotti e mille persone a pranzo, vi propongo, da affiancare al classico prosciutto e melone (un classico dei pranzi con gli amici ad agosto!) e all’anguria ubriaca, una rivisitazione della classica pasta zucchini e gamberetti.

Riso venere zucchini gamberetti e gamberoni, devo essere sincera è il piatto preferito da me e mio marito perché sposa i nostri gusti: lui adora gli zucchini ed io i gamberetti; lui le insalate di riso ed io il riso Venere. Perfetto no? Andiamo ai fornelli!

Ingredienti per 6 persone:20150808_194219

  • 300 g riso Venere
  • 300 g di zucchini
  • 350 g gamberetti (qua potreste anche raddoppiare per i miei gusti!)
  • 6-7 gamberoni
  • Cipolla q.b.
  • Piemonte Chardonnay DOC (consiglio: Beppe Marino Vini)
  • Sale, pepe
  • Olio extravergine di oliva

Preparate il riso come descritto sulla confezione, tagliate a julienne metà degli zucchini, l’altra metà potrete tagliarla a rondelle, preparate con la cipolla due soffritti diversi cuocete gli zucchini nei due formati diversi.

Gli zucchini tagliati a julienne verranno cotti per circa 20 minuti a fuoco moderato stando attenti a non bruciarle, salate e pepate.

Aprite il Piemonte Chardonnay DOC e versatene mezzo bicchiere per sfumarli  e se fa ancora molto caldo bevetene mezzo bicchiere per rinfrescarvi, aggiungete i gamberoni e dopo cinque minuti aggiungete i gamberoni e terminate la cottura dopo circa 3-4 minuti.

Lasciate raffreddare.

Gli zucchini tagliati a rondelle andranno cotti soltanto 10 minuti, devono risultare croccanti, Aggiungete anche il liquido formato nella pentola con gli zucchini, gamberetti e gamberoni.  Frullate aggiungendo olio, dovrete ottenere una crema molto morbida che metterete in frigo.

Intanto scolate il riso e immergetelo in acqua ghiacciata (meglio se avrete aggiunto proprio il ghiaccio), aspettate un minuto e scolate. Aggiungete subito un poco di olio in modo che i chicchi non si attacchino.

Pulite i gamberoni  e unite al riso gli zucchini tagliati a julienne e gamberetti e conservate fino al momento di servire.

Per ogni porzione di riso mettete un gamberone e cospargete con la crema di zucchini, servite con Piemonte Chardonnay DOC  meglio se di Beppe Marino Vini.

A tal proposito, vi fa strano questo consiglio “sfacciato”? Beh, presto vi racconterò alcune storie e i motivi della mia scelta… questo magari in periodo di vendemmia!!!

Buon lavoro e buon appetito!!!

20150808_195021